top of page

Salmone selvaggio VS allevato

Il salmone è un alimento apprezzato e consumato per i benefici sulla salute.


E' ricco dei famosi acidi grassi omega‑3 che la maggior parte delle persone non consuma in quantità adeguata.


Ma non tutti i salmoni che acquistiamo sono uguali!


Oggi gran parte del salmone in vendita non viene catturato in natura (salmone selvaggio), ma allevato in allevamenti ittici (salmone allevato).


I salmoni selvaggi sono molto magri, dal sapore intenso, hanno carni compatte, asciutte.


Se allevati, i salmoni hanno un colore uniforme e carni morbide, un po’ più grassi e quindi più saporiti di quelli selvaggi. I migliori esemplari sono quelli allevati in modo estensivo, in condizioni che simulano quelle naturali e nel rispetto dell’ambiente.


Il fatto di alimentarsi in maniera diversa (i salmoni selvaggi si nutrono di krill, quelli di allevamento con mangime in pellet ricco di proteine animali e cereali, per non parlare dell'elevato costo ambientale) fa si che abbiano caratteristiche nutrizionali ben diverse!


In media un salmone d’allevamento contiene più grassi di un salmone che nuota libero, mentre le proteine e i carboidrati sono molto simili.


Il salmone allevato presenta il triplo della quantità di grassi saturi rispetto al pescato, una quantità poco più elevata di omega‑3 e sei volte la quantità di omega‑6.


In questi due etichette di salmone affumicato troviamo una notevole differenza anche a livello di sale!


Quindi attenzione al tipo di salmone che consumate, meglio una volta in meno ma di buona qualità, migliore per la nostra salute e quella dell'ambiente!



86 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti
bottom of page